Il Monastero si trova tra gli insediamenti di Zarou e Vorizia, a una distanza di 49 km da Heraklion.
La data di fondazione è sconosciuta, ma ci sono riferimenti scritti in documenti del XV e del XVI secolo. Durante il periodo dell’occupazione veneziana, il monastero conobbe una grande prosperità, diventando un importante polo artistico e pittorico. Durante la rivoluzione del 1866 il monastero fu attaccato dagli Ottomani come rappresaglia per il suo contributo alla lotta di liberazione.
Oggi gran parte delle vecchie strutture è andata distrutta, tuttavia sono conservati monumenti importanti come: la fontana del XV secolo, la cui decorazione scolpita raffigura Adamo ed Eva; la chiesa a due navate dedicata a Sant’ Antonio e all’Apostolo Tommaso; il campanile. All’interno della chiesa sono conservati affreschi del XIV secolo di eccezionale qualità e icone sacre realizzate da Michail Damaskinos, alcune delle quali sono conservate nel Museo di Santa Caterina del Sinai ad Heraklion.

The project is implemented through the Regional Development Fund of Crete
Skip to content